HomeThailandia PostBangkok postBANGKOK COSA VEDERE TRE GIORNI

BANGKOK COSA VEDERE TRE GIORNI

BANGKOK COSA VEDERE TRE GIORNI

Bangkok cosa vedere in tre giorni nella capitale thailandese di 10 milioni di abitanti, adagiata lungo i fiume Chao Phraya a pochi km dal golfo del Siam. Questo è il percorso di visita di tre giorni a Bangkok, che ho svolto durante il mio on the road in Thailandia.

PRIMO GIORNO A BANGKOK

BANGKOK COSA VEDERE WAT PHO

Una delle principali mete di Bangkok è senza dubbio il Wat Pho, che con il suo enorme Buddha disteso di 46 metri di lunghezza, attrae migliaia di visitatori ogni giorno. Adagiata in un edificio, questa statua dorata mostra sulle piante dei piedi 108 scene augurali.

Wat Pho grande Buddha disteso
Wat Pho grande Buddha disteso

Il complesso del Wat Pho è sede inoltre di una delle scuole più rinomate di massaggio tradizionale thailandese. Pagode, prang e più di mille statue del Buddha caratterizzano il tempio.

RELIGIONE BUDDHISTA IN THAILANDIA

Il Buddhismo è un’antichissima religione, e prende il nome da Siddharta Gautama, detto Buddha. Visse nel VI/V secolo a.C. e raggiunse l’illuminazione, quando comprese che l’uomo era destinato a soffrire, se non avesse abbandonato i suoi egoismi e le sue cattiverie.

Il Buddhismo è quindi anche una filosofia e un insieme di tecniche spirituali. Buddha viene rappresentato con diverse posizioni, che possono simboleggiare, ad esempio, la meditazione, la protezione, il nirvana. I monaci buddhisti fanno voto di castità e vivono di carità, per cui la popolazione thailandese, distribuisce loro cibo ogni giorno.

BANGKOK COSA VEDERE WAT PHRA KAEW

Il Wat Phra Kaew, o tempio del Buddha di Smeraldo, si trova all’interno del complesso del Palazzo Reale. Il tempio risale al 1782, ossia quando la capitale del regno thailandese si trasferì da Ayutthaya a Bangkok.

Wat Phra Khaew di Bangkok
Wat Phra Khaew di Bangkok

Questo tempio raele custodisce ora la preziosa statua del Buddha di Smeraldo, e funge da cappella Reale. Circondato da magnifici padiglioni e pagode, disseminati di statue e giardini, è senza dubbio un luogo dalle mille suggestioni.

BANGKOK PALAZZO REALE

Il Grande palazzo reale ospita la famiglia reale, della dinastria dei Rama, solo in occasioni particolari come cerimonie ufficiali e banchetti di stato.

Racchiuso da mura lunghe 1900 metri il complesso comprende padiglioni, musei, giardini e templi fra cui il Wat Phra Khaew.

Palazzo reale di Bangkok
Palazzo reale di Bangkok

La vasta piazza ovale di Sanam Luang, posta di fronte, è da sempre al centro di eventi religiosi, politici e culturali. Molto amata dagli abitanti che qui si riversano per fare i loro picnic e assistere alle parate reali.

Rotonda di fronte al Palazzo Reale e a Sanam Luang
Rotonda di fronte al Palazzo Reale e a Sanam Luang

Attorno alla piazza trovano posto grandi istituzioni, palazzi e musei ma anche templi. Uno di questi è il Tempio del Pillar Shrine, che contiene il pilastro di fondazione della città, sorta ufficialmente nel 1782.

BANGKOK COSA VEDERE CHAO PHRAYA

Bangkok è attraversata dal Chao Phraya uno dei due fiumi principali della Thailandia, che sfocia nel golfo thailandese. Escursioni con battelli conducono lungo le sue sponde più scenografiche, mentre battelli portano alla sponda opposta, dove si trova fra l’altro il Wat Arun.

Chao Phraya a Bangkok
Chao Phraya a Bangkok

Uno dei mezzi ideali per spostarsi in città oltre ai colorati taxi, sono i tuk tuk, che regalano esperienze particolari, nonostante lo smog che avvolge la città.

WAT SAKET LA COLLINA DORATA DI BANGKOK

La Collina Dorata, Wat Saket, è molto suggestiva specie di notte, quando è illuminata. Si tratta di una colle artificiale sorto sulle macerie di un enorme chedi, risalente all’epoca di Rama III, eretto su un terreno instabile.

Salita al Wat Saket di Bangkok
Salita al Wat Saket di Bangkok

Non potendo essere demolito, poichè sacro, alla fine del XVIII secolo, Rama V vi costruì sopra un chedi dorato, per conservare le reliquie del Buddha, donate dal governo britannico. I 344 scalini che salgono a spirale sono delimitati da una rigogliosa vegetazione, disseminata di lapidi e campanelle di varie misure.

Wat Saket collina dorata di Bangkok
Wat Saket collina dorata di Bangkok

La vista panoramica a 360° è splendida, soprattutto al tramonto, quando la città è avvolta da una calda luce e rende tutto ancora più mistico.

Panorama dalla collina dorata di Bangkok
Panorama dalla collina dorata di Bangkok

LOHA PRASAT E ALTRI TEMPLI BUDDISTI

Nei dintorni della collina dorata, sono presenti numerosi templi buddisti. Si trova anche la Thanon Bamrung Muang, una delle prime strade di Bangkok ad essere stata pavimentata, sulla quale si susseguono negozi di articoli religiosi buddisti.

Il Wat Ratchanatdaram Worawihan risale al tempo di Rama III, che lo dedicò alla nipote, e per questo il suo nome significa “Tempio della nipote reale“.

L’edificio piramidale, che spicca sugli altri con i suoi 36 metri, è il Loha Prasat. I tre livelli sono decorati con 37 guglie dorate, che rappresentano le virtù necessarie per ottenere l’Illuminazione. Il percorso spirituale culmina sulla sommità, che simboleggia il Nirvana raggiunto dal Buddha, dove la guglia centrale conserva le sue reliquie.

 

Wat Ratchanatdaram a Bangkok
Wat Ratchanatdaram a Bangkok

Il Wat Benjamabophit chiamato Tempio di Marmo, fatto appunto di marmo, ma di Carrara, in quanto è stato progettato da architetti italiani.

Il Wat Thewarat vicino al fiume Chao Phraya.

Il Wat Indraviharn con l’enorme statua del Buddha dorato alta 32 metri all’esterno.

Il Wat Suthat famoso per la presenza della Giant Swing, una specie di altalena in teak rossa, formata da due colonne altissime  e una terza sopra che le collega. In passato era utilizzata nei riti dei brahmini in onore di Shiva. Quella che si vede oggi è una ricostruzione.

Per visitare invece il più grande mercato degli amuleti di Bangkok occorre raggiungere il molo di Tha Maharaj, dietro l’omonimo tempio.

KAO SAN ROAD BANGKOK COSA FARE

Quando giunge la sera, il luogo più animato e alternativo dove vivere la vita notturna di Bangkok è Khao San Road, nel quartiere di Banglamphu. L’area, che di giorno è abbastanza anonima, la sera si anima all’inverosimile, con un’ampia scelta di ristoranti, locali e mercatini e alberghi economici, massaggiatori. Bancarelle di street food thai propongono le classiche “specialità” ossia gli insetti fritti…

Khao San Road by night
Khao San Road by night

Percorrendo le strade della Bangkok By night risaltano ancor di più le gigantografie e altarini dedicati ai reali, posizionate sui lati o in centro alle strade.

SECONDO GIORNO A BANGKOK

WAT ARUN COSA VEDERE BANGKOK

In pochi minuti di traversata del Chao Phraya si raggiunge l’inconfondibile Wat Arun, dove al centro si staglia l’altissimo prang di 80 metri, che è possibile scalare…Sempre molto affollato, l’ideale è visitarlo al mattino presto o al tramonto….

Prang del Wat Arun a Bangkok
Prang del Wat Arun a Bangkok

Wat Arun lo costruirono per conservare la statua del Buddha di Smeraldo, quando la capitale si spostò da Ayutthaya a Thonburi, il nome di questo quartiere…. Successivamente, re Rama I costruì il suo palazzo reale sull’altra sponda del fiume e anche la statua cambiò collocazione.

La parte più suggestiva del complesso è il chedi centrale con bellissime terrazze decorate con frammenti di porcellane portate dai fedeli, da dove ammirare splendide viste panoramiche sulla città.

Salita sul Wat Arun
Salita sul Wat Arun

File di statue di guardiani (mezzi uomini e mezzi uccelli) sostengono le varie terrazze, mentre alla base, quattro edifici, i Mandapa,  rappresentano i punti cardinali. Ospitano inoltre sculture che rappresentano la vita del Buddha (nascita, meditazione, primo sermone e morte).

Sulla stessa sponda del fiume si trovano anche:

La chiesa portoghese di Santa Cruz, con volta a botte decorata con colori blu e rosso.

Wat Kalayanamit molto imponente con influenze cinesi.

Wat Prayoon detto “montagna tartaruga”, tutto bianco con un enorme chedi, circondato da un porticato con 18 chedi più piccoli, e una recinzione in ferro.

MERCATI DI BANGKOK

Attraversando il Memorial Bridge di re Rama I, si ritorna sull’altra sponda e si raggiunge il variopinto mercato dei fiori di Pak Khlong Talat, aperto 24 ore al giorno.

PAK KHLONG TALAT A BANGKOK

Disseminato di bancarelle di fiori, frutta e verdura, magnificamente disposti, ci si ritrova in mezzo a un’esplosione di colori e odori, di ogni genere, compreso quello sgradevole del durian. Si tratta di una specie di noce di cocco ovale con punte, che è vietato trasportare sui mezzi pubblici, nonostante sia una prelibatezza dal sapore dolciastro.

Mercato dei fiori a Bangkok
Mercato dei fiori a Bangkok

Il quartiere di Pahurat corrisponde alla Little India, con un’infinità di negozi di abbigliamento e ristoranti che riempiono il dedalo di stradine. L’Old Siam Plaza è invece un grande centro commerciale indiano vicino al quale si trova il secondo tempio sikh più grande fuori dall’India, con la grande cupola dorata.

Il Nakhom Kasem è un quartiere che un tempo ospitava il mercato dei ladri, che rivendevano la refurtiva, oggi è specializzato in articoli elettrici.

WAT CHAKRAWAT A BANGKOK

Il Wat Chakrawat è un famoso tempio con tanto di coccodrilli nel laghetto antistante. Una leggenda narra, infatti, che durante il regno d Ayutthaya i coccodrilli infestavano le rive del fiume Chao Phraya. Uno di questi era particolarmente feroce, così lo inseguirono per cacciarlo, ma si rifugiò sotto l’abitazione di un monaco, che decise di mantenerlo con le offerte che gli venivano date dai fedeli.

Tempio con coccodrillo a Bangkok
Tempio con coccodrillo a Bangkok

CHINATOWN A BANGKOK

Il quartiere cinese è uno fra i più frenetici e antichi della città, con lunghi viali caotici pieno di negozi, ristoranti e farmacie tradizionali, che vendono rimedi per ogni malanno.

Buddha dorato di Chinatown a Bangkok
Buddha dorato di Chinatown a Bangkok

I cinesi arrivarono in Thailandia per commerciare fin dal 14° secolo, e furono i primi a stabilirsi in questa zona, quando ancora Bangkok non era la capitale.

Il Chinatown Gate segna l’ingresso al pittoresco quartiere, mentre il Wat Traimit custodisce uno enorme Buddha realizzato quasi totalmente in oro, alto quasi tre metri, e che pesa 5.5 tonnellate.

Il tempio cinese principale è tuttavia il Wat Mangkon Kamalawat, al centro dei festeggiamenti del capodanno cinese.

Molto particolare è anche la stazione ferroviaria centrale di Hua Lamphong, con uno stile architettonico  neorinascimentale.

SHOPPING MALL DI BANGKOK

Grandi centri commerciali lussuosi e moderni si concentrano nell’area di Siam Square, che nonostante il nome non è una piazza ma un grande incrocio di strade disposte su vari livelli. Una passeggiata sopraelevata in corrispondenza dello Skytrain collega vari punti.

 

Siam Paragon Mall a Bangkok
Siam Paragon Mall a Bangkok
  • Siam Paragon Mall ospita marchi prestigiosi e fa parte del Shopping Bermuda Triangle, vicino alla fermata Siam dello Skytrain. Fra le sue attrazioni ci sono il Siam Paragon Aquarium uno dei più grandi del sud-est asiatico, e il Floating Market dalla tipica atmosfera thailandese con spettacoli di luce alla sera. Ospita inoltre il museo delle cere di Madame Tussauds, sala per concerti, bowling…
Centri commerciali di Bankgok
Shopping malls di Bangkok
  • MBK Mall è molto popolare con prezzi per tutte le tasche, un’ampia food court, aperto fin dal 1985.
  • Central World vicino alle fermate di Siam e Chit Lom dello Skytrain è uno fra i più grandi del mondo, e comprende cinema, una pista di pattinaggio su ghiaccio,
  • Terminal 21 vicino alla stazione Asoke dello Skytrain con ambientazioni di città e una riproduzione del Golden Gate Bridge in alto, e all’entrata una scala mobile di 36 metri di lunghezza.
  • EMQuartier uno dei più grandi di Bangkok con ristoranti raffinati, una cascata, e una terrazza panoramica con piante rampicanti e una passerella in vetro.
  • Emporium con brand lussuosi, il Gourmet market e una Food-court.
  • Centralworld enorme centro commerciale con ristoranti e varie attrazioni.
  • Gaysorn Shopping Mall lussuoso

Il Bangkok Art and Culture Center è invece una bella galleria d’arte moderna, disposta su vari piani, che si affacciano sulla grande hall. Scenografiche scale mobili collegano i vari livelli e l’architettura generale ricorda quella del Guggenhein di New York.

CASA DI JIM THOMPSON

Molto interessante da visitare è anche la Casa Museo di Jim Thompson, formata da un insieme di edifici tradizionali thai, importati perfino da Ayutthaya.

Jim Thompson fu un americano avventuriero, che fra le altre cose, si occupò della tessitura tradizionale thai, ma amava anche collezionare oggetti d’arte, che trasferì in questa abitazione. In seguito alla sua misteriosa scomparsa avvenuta nella giungla malese nel 1967, la dimora venne aperta al pubblico come museo.

ERAWAN SHRINE A BANGKOK

In mezzo ai grattacieli, ai centri commerciali, e a un incrocio trafficato, si trova l’Erawan Shrine, un tempio hindù con la statua di Brahma, dio della creazione.

Venne eretto per propiziare la riuscita dei lavori del vicino Grand Hyatt Erawan Hotel, che gli spiriti continuavano a funestare con continui eventi negativi.

Il tempo voleva dare loro un luogo dove rifugiarsi, ed è ora molto popolare fra i fedeli, che lo visitano per ottenere fortuna e salute. A tal fine, vengono spesso ingaggiati gruppi di ballerini e suonatori, che con le loro esibizioni favoriscono le influenze positive delle divinità.

Erawan Shrine a Bangkok
Erawan Shrine Bangkok

TERZO GIORNO A BANGKOK

DUSIT COSA VEDERE BANGKOK

Un quartiere decentrato, rispetto al centro più turistico di Bangkok, è Dusit, dove si trova lo Zoo di Dusit e il complesso del palazzo reale, formato da vari edifici.

Bangkok Zoo
Bangkok Zoo
  • Vinmamek realizzato tutto in teak, questo edificio è il più grande del mondo del suo genere.
  • Ananka Samakhon Throne Hall imponente palazzo utilizzato come sala di ricevimento e eventi speciali dei reali. Progettato in stile rinascimentale da architetti italiani, con parti in marmo di Carrara. Ospita un Museo sull’artigianato thailandese, e capolavori di arte orafa e intaglio del legno.
  • Villa Anphorn Sathan un complesso residenziale reale.

LUMPHINI PARK DI BANGKOK COSA VEDERE

Uno dei parchi pubblici più grandi di Bangkok, oltre al Sanam Luang, è il Lumphini Park, ideale da raggiungere soprattutto la sera o la mattina. Molto amato dagli abitanti, per le loro passeggiate e per praticare sport o partecipare a lezioni di yoga e thai chi.

Lumphini Park a Bangkok
Lumphini Park a Bangkok

Caratterizzato da una vegetazione lussureggiante, comprende due laghetti, un giardino di palme e bambù, e abitato anche dai varani...che raggiungono anchei due metri di lunghezza. Nel parco si tengono spesso spettacoli, concerti e vari eventi.

Lumphini Park Bangkok
Lumphini Park Bangkok

PATPONG COSA VEDERE BANGKOK

Oltre a Khao San Road, a Bangkok si trova un altro quartiere notturno frequentato soprattutto da adulti…si tratta di Patpong…quartiere a luci rosse con i suoi go-go- bar e discoteche, che per questo hanno contribuito a far conoscere la Thailandia erroneamente come meta turistica sessuale…

Girovagando, ci si può però dedicare anche allo shopping, specie di merce contraffatta, soprattutto per quanto riguarda l’abbigliamento e gli accessori.

CHATUCHAK WEEKEND MARKET COSA VEDERE

Qualora si capitasse nei fine settimana, vale la pena fare un giro al popolare Chatuchak Weekend Market, a pochi km dal centro di Bangkok. Facilmente raggiungibile con lo Skytrain, questo è anche uno dei mercati più vasti del mondo, con 8000 bancarelle posizionate sia all’esterno che al coperto, e suddiviso in settori merceologici.

Chatuchak Weekend Market Bangkok
Chatuchak Weekend Market Bangkok

Mappe dettagliate indicano le aree specifiche, dove la scelta è infinita e le contrattazioni abbondano, sia  sull’abbigliamento, che l’artigianato e purtroppo anche molti animali da compagnia relegati in piccole gabbie…

Accordandosi, è possibile farsi spedire direttamente a casa gli acquisti ingombranti. Ristoranti e street food anche in questo caso abbondano in tutti i sensi….

MERCATI GALLEGGIANTI DI BANGKOK

Se si vuole evadere dal centro trafficato di Bangkok, allora l’ideale è raggiungere i mercati galleggianti, che non sono una vera e propraia oasi di pace, ma perlomeno offrono un altro spaccato della vita quotidiana thailandese.

Oltre al più famoso e forse più “genuino” mercato galleggiante di Damnoen Saduak, a 100 km sud ovest di Bangkok, nei dintorni della città ce ne sono degli altri.

  • Taling Chan situato a 10 km da Bangkok, è aperto il sabato e la domenica, e offre cibo cucinato sulle long tail boat, soprattutto pesce alla griglia, gustato poi sui tavoli lungo la riva.
  • Klong Lat Mayon è anch’esso aperto solo nei fine settimana, e raggiungibile con bus o taxi.
  • Il One Ratchada o Old Train Night Market è invece un mercato notturno, frequentato soprattutto dagli abitanti e si trova invece in un’area commerciale del centro di Bangkok…

Thailandia on the road cosa vedere!!

Wat Arun cosa vedere!!

Palazzo reale di Bangkok cosa vedere!!

Gallery Thailandia!!

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chi sono

Cerca

Social

Tag

Instagram

error: Content is protected !!