Parco Lazienki cosa vedere Varsavia

PARCO LAZIENKI COSA VEDERE A VARSAVIA

Parco Lazienki è uno dei più grandi e più belli di Varsavia. Molte sono le sue attrazioni, edifici, giardini, monumenti oltre ad essere molto amato dai suoi abitanti e dai turisti, per la tranquillità e serenità che trasmette. Scopriamo, allora, cosa vedere nel Parco Lazienki…

STORIA DEL PARCO LAZIENKI

Il parco Lazienki occupa un’area molto vasta, e costeggia la Strada Reale, che parte dal castello reale della città vecchia per terminare al castello di Wilianow.

Sono molti i palazzi, i monumenti e i punti di interesse da vedere, per cui è necessario dedicargli abbastanza tempo, in modo da goderlo da ogni angolazione, senza contare le camminate chilometriche

Una prima trasformazione dell’area da zona di caccia a parco, inizia nel I XVII secolo, quando un nobile costruì un particolare edificio, chiamato“bagni Lubormiski”, che poi si  trasformò nell’odierno Palazzo sull’Acqua o sull’Isola, sotto i regnanti.

Essi, infatti, vollero il parco Lazienki per i loro svaghi e le loro residenze estive. Oltre a magnifiche costruzioni, abbellirono l’area con teatri e monumenti, giardini geometrici e zone panoramiche, tutto secondo gli schemi dei giardini all’inglese, in voga al quel tempo.

Gli zar russim quando si trovarono a governare la città, aggiunsero il neoclassico Belvedere e originali costruzioni, come il Tempio egizio e il Tempio di Diana.

Nel 1918, il parco Lazienki divenne pubblico, così i cittadini polacchi poterono godere della sua bellezza, fino a quando, però, non arrivarono i nazisti, e lo occuparono militarmente. Al momento della loro fuga, quando persero la guerra, si premurarono, comunque, di ridurre tutto a un cumulo di macerie e distruzioni, come, fecero in tutta la città.

Furono necessari decenni, per riaprire il Parco Lazienki al pubblico, e mostrarlo nuovamente in tutto il sua magnificenza, e oggi costituisce una tappa immancabile durante la visita alla capitale polacca.

VIali del Parco Lazienki Varsavia
VIali del Parco Lazienki Varsavia

PARCO LAZIENKI COSA VEDERE

Il Parco Lazienki è molto vasto, e offre una varietà di paesaggi naturali, come un lungo lago sul quale si affacciano strutture, e si gode di meravigliose prospettive.

OLD ORANGERIE E GALLERIA DELLE SCULTURE

Il giardino botanico e l’edificio neoclassico dell’Osservatorio, confinano con la cosiddetta “Vecchia Aranciera”, costruita 1785 per dare riparo alle piante esotiche, che decoravano il parco. Oggi è occupata da una bellissima galleria delle sculture.

Chiamato anche “colonnato Kamsetzer” dal nome dell’architetto, che ha eseguito i lavori per conto del re Stanislaw Augusto. La collezione comprende sia statue in marmo originali che copie in gesso di famose sculture.

Alle spalle delle candide statue, il muro è affrescato con scene con effetto trompe l’oeil, e tutta la galleria si trova in una gradevole luce soffusa che sembra di trovarsi in un’epoca lontana.

TEATRO REALE

Il teatro reale è compreso nello stesso edificio dell’Orangerie, e vi si accede proprio dalla galleria delle sculture. Questo è uno dei pochi teatri del XVIII secolo ad essere rimasto intatto in Europa. Le calde tonalità giallo-ocra degli interni, sono rivestiti in legno al fine di dare un’ottima acustica.

La sala può ospitare fino a 200 persone, ed è adornata da sculture in stucco con le particolari statue che reggono i candelabri dorati.

Il palco reale è in posizione centrale rialzata e attorno si trovano altri nove palchi riservati.

MONUMENTO A HENRYK SIENKIEWICZ

In mezzo agli alberi, si incontra il monumento a Henryk Sienkiewicz, l’autore polacco che scrisse “Quo vadis?”, un romanzo storico che gli valse il premio nobel nel 1905, e diventato anche un kolossal cinematografico negli anni ’50. Il libro è ambientato a Roma all’epoca di Nerone e le persecuzioni ai cristiani.

TORRE DELL’ACQUA

Poco più avanti, in direzione del Padiglione Bianco, appare l’edifico utilizzato un tempo per la distribuzione delle acque nel parco.

Oggi è conserva il museo dei gioielli, ma ciò che lo rende particolare, è la sua forma circolare, che ricorda una specie di piccolo pantheon, con un accesso affiancato da due colonne.

PADIGLIONE BIANCO

Il padiglione bianco, del 1774, è stato il primo edificio polacco ad essere decorato con grottesche, delle pitture dai richiami dell’antica Roma, piante ornamentali intrecciate a figure umane e animali.

Le stanze in stile rococò, completamente decorate e affrescate, con bellissimi pavimenti in legno, finemente intagliati, e mobili. All’interno è conservata anche la collezione delle stampe con scene della Metamorfosi di Ovidio, un poeta romano.

MONUMENTO A CHOPIN

Nel 1910, venne realizzato il monumento a Frederyk Chopin, per commemorare il centennario della sua nascita, ma venne collocato qui solamente nel 1926, quando la Polonia divenne indipendente.

Monumento a Chopin Parco Lazienki Varsavia
Monumento a Chopin Parco Lazienki Varsavia

Il compositore è ritratto seduto sotto un salice piangente, i cui rami che sembrano ondeggiare al vento. Sopra la testa, sembrano formare un palmo di mano, e l’artista pare in cerca di ispirazione, leggermente inclinato all’indietro, con gli occhi socchiusi. Tiene, inoltre, la mano destra alzata, come se fosse sopra la tastiera di un pianoforte.

I nazisti distrussero l’opera originale nel 1940,così venne nuovamente realizzato nel 1958, e posizionato davanti a una fontana, e circondato da aiuole di rose, e panchine, confondendosi così con la natura circostante.

Le domeniche estive, i visitatori si affrettato a occupare i prati circostanti, per ascoltare i concerti di musica classica che si tengono vicino al monumento.

PALAZZO DEL BELVEDERE PARCO LAZIENKI COSA VEDERE

Come dice il nome, il palazzo si trova in una posizione panoramica rispetto al Parco Lazienki. Costituisce una delle residenze presidenziali. Ricostruito in uno stile neoclassico, con due ali laterali, si caratterizza anche per il tetto verde acqua in rame. In passato, i regnanti lo utilizzarono anche come laboratorio per la produzione di ceramiche.

Sulla via Ujadzdowskie, parte della Strada reale, sulla quale il palazzo del Belvedere si affaccia, si trova anche il Monumento a Józef Piłsudski.

Questi fu il generale polacco che riconquistà l‘indipendenza della Polonia, nel 1918, dopo oltre cento anni di occupazione straniera, sebbene fu allo stesso tempo anche un dittatore.

TEMPIO DELLA SIBILLA

Conosciuto anche come tempio greco o di Diana, costruito nel 1822 si rifà ai templi ellenici del 1° secolo, architettura molto in voga nelle corti europee dell’epoca. Realizzato in legno, ha una base quadrata e circondato da un colonnato ionico.

La sala interna è adornata con affreschi floreali, e all’entrata, si trovano due leoni in bronzo, che fanno la guardia come fossero due sfingi. In prossimità si vede la moderna scultura, “L’Ombelico del Mondo” e anche lo Stagno del Belvedere.

TEMPIO EGIZIO

Simile al tempio della Sibilla, il tempio egizio, fu costruito nel 1825, nella parte più meridionale del Parco Lazienki. E’ situato a ridosso dell’unico bastione rimasto di una antica fortezza, edificata quando scoppiò un’epidemia.

Il tempio egizio era utilizzato, fra l’altro, come luogo per la maturazione dei fichi. L’entrata è rivolta verso uno stagno, con quattro colonne decorate con i fiori di loto, mentre dei mezzibusti di leoni fungono da fontane, e gettano l’acqua nello stagno antistante.

Una passeggiata permette di camminare sul tetto per poi addentrarsi nuovamente in mezzo alla vegetazione. In cima è posizionato inoltre un finto obelisco decorato.

LA NUOVA ORANGERIE

La nuova serra del parco venne costruita nel 1860, per riparare le piante esotiche in inverno, fra cui alberi di canfora, magnolie, mirti, melograni e cipressi, e anche una collezione di aranci.

Nella parte centrale è decorata appaiono sculture del 19° secolo, fra cui un copia di divinità associate alle stagioni e ai frutti. Due busti simboleggiano, invece, l’autunno e l’inverno.

 

L’ANFITEATRO PARCO LAZIENKI COSA VEDERE

L’anfiteatro del parco Lazienki appare come un’antica rovina romana, posizionato vicino al laghetto meridionale, a pochi passi dal Palazzo sull’Isola. Si caratterizza per la scena che è separata con un canle dalla platea. Per questa speciale atmosfera, spesso le rappresentazioni, che si tengono durante il periodo estivo, sono incentrate sul tema della mitologia. Pare che gli attori arrivino con le barchette, che solitamente si noleggiano sul lago.

Fin dal passato, l’anfiteatro era decorato con grandi statue di compositori e artisti, ma con il tempo si sono deteriorate. Le attuali sono quindi delle copie.

PALAZZO SULL’ACQUA PARCO LAZIENKI COSA VEDERE

Il primo palazzo barocco risale al 1680, e lo costruì un noto politico di quel tempo. Si trattava di una casa dei bagni, realizzata come luogo di svago e contemplazione. Gli interni della bath-house somigliavano a una grotta, con la riproduzione di una sorgente dell’antica Grecia, dalla quale le muse si ispiravano.

Nel 1764, passò in mano al re Stanislaw Augusto, che la trasformò nella sua residenza estiva, dallo stile neoclassico, ricalcando le linee delle ville italiane. Trasformò questo luogo e fece il primo museo, sistemando la sua collezione di pitture, di oltre duemila pezzi. Vi erano compresi anche due Rembrandt, situati ora al palazzo reale di Varsavia.

Nella parte centrale dell’edificio, la rotonda sovrastata dalla cupola, sembra un pantheon romano, con i busti dei precedenti sovrani. Fra le sale degne di nota, ci sono la sala da bagno completamente rivestita da piastrelle con decori azzurri, la grande sala da ballo, la stanza dei ritratti, la stanza da letto, tutte con bellissime viste sul parco e sul laghetto.

All’esterno il bianco palazzo neoclassico è collegato con gallerie colonnate sull’acqua a due padiglioni.  laterali.

 

PALAZZO MYSLEWICKI

Il palazzo, dalla forma semicircolare, avrebbe dovuto essere la residenza iniziale del re, ma venne destinata ad esempio per ospitare personalità politiche importanti. Qui infatti si sono svolti accordi internazionali di un certo rilievo.

Costruito nel 1775, porta il nome di un villaggio del passato. Il primo nucleo era un edificio su due piani, con un belvedere sul tetto, in seguito furono aggiunte le ali laterali.

IL PALAZZO DELLE GUARDIE

Il primo edificio avente questo scopo era a forma di piramide coperta di vegetazione, ma durò poco. La seconda costruzione venne costruita accanto a quello che era il gioco francese Trou-Madame. Qui stavano le guardie che vigilavano sulla sicurezza del re. L’edifico con linee architettoniche greche, aveva una funzione difensiva. Oggi si trova un Museo sull’educazione.

HERMITAGE PARCO LAZIENKI COSA VEDERE

Il piccolo edificio in mezzo agli alberi, in una posizione isolata rispetto agli altri, in origine serviva come luogo dove ritirarsi e stare lontano dalla gente, oltre a dedicarsi di vari interessi come la letteratura. dedicandosiai per isolarsi e occuparsi dei loro piaceri personali come la letteratura. Si trova vicino al monumento a Jan III Sobieski. Andò in fiamme e venne ricostruito per ospitare amici e amanti del re Stanislaw.

MONUMENTO A RE GIOVANNI SOBIESKI

Dirigendosi nuovamente verso l’uscita, sul ponte che attraversa il canale, si incontra il monumento al re Giovanni III Sobieski. La statua mostra il sovrano a cavallo, mentre calpesta due turchi, e servì ai successori come propaganda anti-turca, in occasione dell’inizio dei dissidi fra Russia e Turchia. Si voleva anche rafforzare le relazioni con fra Polonia e Russia, al fine di evitare spartizioni territoriali.

PARCO E PALAZZO DI UJAZDOW

Accanto al Parco Lazienki, si trova il Parco Ujazdow, altrettanto suggestivo e scenografico, con i suoi viali di castagni. Sul luogo, in epoca medioevale, sorgeva un villaggio, ma durante i secoli ci furono molti cambiamenti.

Venne dapprima edificato un castello reale, che poi fu convertito in caserma militare e ospedale. Attualmente vi è ospitato il Centro per l’Arte Contemporanea, dove si tengono mostre, concerti e laboratori didattici.

Il bel parco, che in passato è stato occupato da fiere e mercati, ora invece è attraversato da viali, e decorato con fontane e sculture. Il lunghissimo canale Piaseczynski è fiancheggiato da grandi stadi e impianti sportivi.

Viaggio on the road in Polonia!!

 

Danzica e l’ambra!!

 

Torun e Copernico!!

 

Bydgoszcz e i granai!!

 

Nidi d’aquila i le rocche!!

 

Czestochowa e la Madonna Nera!!

 

Varsavia città vecchia!!

 

Poznan e il centro storico colorato!!

 

Breslavia e gli gnometti!!

 

Swidnica e la chiesa della pace in legno!!

 

Rogalin il castello!!

 

Please follow and like us:

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!