Castelli nidi d'aquila in Polonia

CASTELLI DEI NIDI D’AQUILA COSA VEDERE POLONIA

I castelli dei nidi d’aquila sono delle bellissime rocche, posizionate in cima a pittoresche colline calcaree. Si dispongono su un percorso, che in parte abbiamo incrociato nel nostro viaggio on the road in Polonia. Scopriamo alcuni di questi antichi manieri e cosa vedere in questa parte della Polonia meridionale.

STORIA DEI CASTELLI DEI NIDI D’AQUILA

Il cosiddetto itinerario dei castelli dei nidi d’aquila si sviluppa su un altopiano roccioso, per 164 km, fra Cracovia e Czestochowa. Questi antichi castelli, oggi molti in rovina, sorsero con lo scopo di creare delle postazioni di difesa e protezione delle vie commerciali e l’allora capitale Cracovia.

La maggior parte di queste fortificazioni erano costituite da torri di guardia, castelli e palazzi con fossati e mure di cinta, appartenenti a potenti famiglie. Proprio per la loro ubicazione strategica, queste costruzioni presero il nome di nidi d’aquila.

Sorti verso il 1100, dapprima sotto forma di palizzate in legno, si subirono trasformazioni sotto i vari regnanti e a causa di continue distruzioni. L’esercito svedese fu il principale artefice della loro definitiva scomparsa.

I nidi d’aquila costituiscono una vera e propria ricchezza culturale, storica e paesaggistica e sono una meta molto apprezzata dagli escursionisti.

Molte rocche sono state ristrutturate e riconvertite, ma la maggior parte ha ancora un aspetto decadente e suggestivo, grazie alla loro posizione in mezzo a spaziosi e solitari paesaggi polacchi.

BEDZIN CASTELLO

In questo viaggio in Polonia abbiamo visto molti manieri e rocche, di ogni epoca e stile. Il castello di Bedzin, purtroppo, era chiuso quando siamo arrivati, così parcheggiato il camper, ci siamo limitati a un giro intorno, per ammirarlo bene con le luci del tramonto.

Bedzin castello in Polonia
Bedzin castello in Polonia

OGRODZIENIEC CASTELLO

Percorsi una quarantina di km, in mezzo a dolci saliscendi collinari e attraverso  boschi e terreni coltivati, ci siamo diretti al castello di Ogrodzieniec.

Al nostro arrivo era in corso una festa paesana, per cui la strada verso il castello, era affollata e i parcheggi erano pieni, tanto che le auto erano nei campi adibiti come aree sosta.

TURISTI IN POLONIA

Con il camper non ci siamo certamente fidati ad addentrarci nei terreni. Abbiamo però trovato una zona ghiaiosa, così ci siamo fermati lì per la notte. Ovviamente abbiamo chiesto il permesso al padrone, che si è fatto pagare…

Già in queste prime ore in Polonia, ci siamo resi conto, come questa nazione non fosse molto frequentata dai camperisti. Non avevamo infatti incrociato nessuno…come sarebbe poi successo durante tutto il viaggio…eccetto, ovviamente, Cracovia e Varsavia.

In realtà non c’erano neppure turisti stranieri in generale, e noi eravamo chiaramente riconoscibili come tali…ma non ci siamo sentiti a disagio. Certo lasciare il camper incustodito poteva mettere un po’ d’ansia, ma dico subito che non è mai successo niente nè a noi, tantomeno al mezzo…a parte problemi meccanici….

FESTEGGIAMENTI ALLE PENDICI DEL CASTELLO

Tornando alla serata…sistemato il camper, ci siamo diretti verso la collina in cima alla quale risplendevano le rovine del castello di Ogrodzieniec completamente illuminate con potenti riflettori…..

Una lunga strada stretta, fiancheggiata da bancarelle, conduceva al centro dei festeggiamenti, dove un deejay metteva musica dance e elettronica assordante. C’era proprio una ressa di gente, migliaia di persone. A parte le luci del palco, era praticamente buio, e la rocca in alto risaltava bene.

C’erano proprio molti stand gastronomici, ma stavano per chiudere….nonostante fossero solo le nove di sera.

Senza tanti tentennamenti, ci siamo messi alla ricerca di qualcosa di nostro gradimento… temevano proprio di saltare la cena. Fortunatamente c’erano ancora dei chioschi aperti, con enormi griglie circolari, dove arrostivano succulenti salsicce e altri tipi di carni.

CENA NEGLI STAND GASTRONOMICI

Senza pensarci due volte,abbiamo fatto le ordinazioni, poi però il problema è stato trovare un posto dove sederci a mangiare…visto che era buio pesto.

Alla fine ce l’abbiamo fatta….e il cibo era ottimo….soddisfatti ci siamo fatti largo in mezzo alla gente che occupava un grande prato attorno al palco. Molti erano seduti alle pendici della collina, sotto al castello. Abbiamo seguito un sentiero che saliva alla rocca, dalla quale ammirare la zona dei festeggiamenti dall’alto.

Se fossimo arrivati prima, avremmo potuto entrare in una parte del castello e salire sulle mura illuminate. A parte la zona affollata, tutto attorno era immerso nella notte scura.

Dopo aver gironzolato ancora un poco, siamo tornati al camper, notando che anche le trattorie erano già chiuse. Questa era una cosa da tenere in considerazione per le prossime giornate, dato che preferiamo sperimentare la cucina del luogo.

Il camper lo abbiamo trovato al suo posto e nessuno lo aveva toccato, mentre tutto attorno le macchine cominciavano ad andarsene.  Tranquillizzati ci siamo preparati per la prima notte in Polonia.

PASSEGGIATA MATTUTINA

Il mattino successivo, ci siamo alzati presto, ed in giro era tutto silenzioso e deserto, non era rimasta neppure una macchina. Visto che non eravamo riusciti a vedere il castello di Ogrodzieniec alla luce del sole, siamo tornati a piedi per fare qualche fotografia.

Ripercorsa tutta la strada in salita, nonostante l’orario, abbiamo incontrato solo i netturbini che terminavano di ripulire la zona. Avevano già smontato il palco e portato via le strutture. Era rimasto solo il parco bello pulito, come se la sera precedente non ci fosse stato niente.

Così in questo contesto di pace e ordine ci siamo goduti le rovine scenografiche del castello, circondato da grandi e antichi massi…ma la giornata era ancora lunga e altri manieri diroccati ci stavano aspettando…

OGRODZIENIEC NIDO D’AQUILA COSA VEDERE

La prima fortificazione di Ogrodzieniec risale al XII secolo. In seguito a guerre e distruzioni, è stato riedificiato un castello prima gotico e poi rinascimentale. Nel 1665 le truppe svedesi lo invadono e rimane stato di abbandono. Gli abitanti lo saccheggiano, prendendo molte pietre per costruire altri edifici.

Secondo una leggenda, in mezzo alle rovine sembra si aggiri il fantastma di cane nero, che tira una pesante catena….

Ogrodzieniec nido d'aquila in Polonia
Ogrodzieniec nido d’aquila in Polonia

In ogni caso, proprio per la sua spettacolare architettura e posizione,  il castello di Ogrodzieniec è spesso utilizzato come location di film, serie televisive e video musicali…come quello degli Iron Maiden…

Nel grande parco attorno al castello, si svolgono tornei e feste medievali, mentre sulle pareti rocciose ci sono percorsi di arrampicata…per gli spericolati.

MIROW CASTELLO NIDO D’AQUILA

Percorsi una ventina di km siamo arrivati alle rovine del castello di Mirow, veramente suggestivo sulla collina, in mezzo a prati verdi e enormi massi. Non c’era niente da vedere dentro, perchè era chiuso al pubblico, così abbiamo fatto una camminata tutt’attorno, per vederlo da diverse angolazioni.

Inizialmente, qui esisteva solamente una torre di guardia, collegata al castello di Bobolice. In seguito si è trasformata un castello vero e proprio. Come altri, anche qui l’esercito svedese arrivò per distruggerlo.

BOBOLICE CASTELLO NIDO ‘ACQUILA

Il bel castello di Bobolice è situato su una ripida collina e si distingue per il ponte levatoio e le mura merlate. E’ in buono stato di conservazione anche perchè lo hanno ricostruito nel 1999.

Anche in questo castello aleggia la presenza del fantasma di una ragazza, che fu imprigionata a suo tempo, è chiamata la Signora in bianco….

Nel nostro on the road lo abbiamo avvistato da lontano….

OLSZTYN CASTELLO

Proseguendo verso Czestochowa, in mezzo a paesaggi rurali e boschivi, siamo giunti a Olsztyn, altro maniero diroccato. Si tratta di una costruzione proprio affascinante, con una torre cilindrica che termina con una bordatura in mattoni rossi.

Olsztyn nido d'aquila in Polonia
Olsztyn nido d’aquila in Polonia

Ci siamo fatti una bella passeggiata circolare, seguendo il sentiero, in mezzo a un boschetto con vari chioschi e ristoranti. Siamo saliti fino in cima alla collina punteggiata da enormi massi e da dove si abbiamo ammirato il paesaggio circostante.

Stranamente, in giro c’era un po’ di turismo locale, probabilmente grazie alla vicinanza al santuario della Madonna Nera di Jasna Gora a Czestochova.

Il re Casimiro il Grande ha eretto il castello di Olsztyn verso il XIV secolo, ma dopo secoli di guerre e devastazioni, è stato lasciato in stato di abbandono. Gli abitanti del villaggio hanno utilizzano le pietre come materiale da costruzione. Anche il nido d’aquila di Olsztyn fa da scenografia a grandi eventi in costume con spettacoli medievali.

Verso la fine del viaggio in Polonia abbiamo visitato anche il castello di Ojcow, in un bellissimo parco nazionale in prossimità di Cracovia…..

 

Viaggio on the road in Polonia!!

 

Tappe del viaggio in Polonia!!

 

Gallery della Polonia!!

 

Castelli della Polonia gallery!!

 

Varsavia Strada Reale!!

 

Danzica città anseatica e dell’ambra!!

 

Castello di Moszna!!

 

Cracovia centro storico!!

 

Auschwitz e i campi di concentramento

 

Castello di Checiny!!

 

Parco nazionale di Ojcow e il castello di Pieskowa Skala!!

 

Wieliczka le miniere di sale di Cracovia!!

 

Palazzo Wilianow a Varsavia!!

 

Please follow and like us:

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!